codefelici
Le razze canine

Il termine cane deriva dal latino Canis da ricollegarsi al greco kuon.

La discendenza del cane domestico dal lupo è ben documentata e risale a migliaia di anni fa. 

Alcune razze sono state selezionate tramite l’unione di razze uguali ed altre razze invece sono state selezionate mediante incroci di ceppi differenti.

Ad oggi si continua a crearne e quindi l’elenco è dinamico. La maggior parte delle razze sono riconosciute dalla Féderation Cynologique Internationale (FCI) e ad oggi ne contano quasi 350 (la FCI dà un numero ad ogni razza scoperta).

Ve ne sono altre non affiliate alla FCI, ma esistono anche alcune varianti locali o razze in via di riconoscimento o di sviluppo. 

Attualmente, secondo la FCI le razze riconosciute più di recente sono il pastore boemo (n. 364) ed il prazsky krisarik (n. 363) e nelle prime 5 troviamo il pointer, il setter inglese ed il cocker spaniel inglese. In “pole position” troviamo 3 cani inglesi da caccia ed in particolare il pointer che deve il suo nome alla capacità di “puntare le prede”. 

Fra i più recenti vi sono il pastore boemo ottimo cane da compagnia, da salvataggio, docile e affettuoso tanto da essere adatto alle persone disabili ed il prazsky krisarik ottimo come cacciatore di ratti e da compagnia.

L’ENCI come Ente Nazionale della Cinofilia Italiana sostiene e sviluppa 16 razze canine italiane autoctone che sono:

  • Bolognese
  • Bracco italiano 
  • Cane corso
  • Cane da pastore bergamasco 
  • Cane da pastore maremmano abruzzese
  • Cirneco dell’Etna
  • Lagotto romagnolo
  • Maltese
  • Mastino napoletano
  • Piccolo levriero italiano
  • Segugio dell’Appennino
  • Segugio italiano a pelo forte
  • Segugio italiano a pelo raso 
  • Segugio maremmano
  • Spinone italiano
  • Volpino italiano 


[Sitografia https://ilfattostorico.com/ https://www.enci.it/libro-genealogico/razze-italiane https://it.wikipedia.org/wiki/Razze_canine]

Don`t copy text!